VACCINUM MYRTILLUS (Mirtillo nero) – giovani getti


VACCINUM MYRTILLUS (Mirtillo nero) – giovani getti

Scorte disponibili

da 12,00
Prezzo comprensivo di IVA, più spedizione


Il gemmoterapico del Mirtillo nero conferma ed amplifica le già note proprietà attribuite dalla fitoterapia tradizionale, i giovani getti sono indicati infatti come potenti anticolibacillari e disinfettanti di tutto l’apparato urinario: trovano indicazione nelle cistiti acute, subacute e recidivanti e come drenante renale ad azione antisettica e uricosurica. Il gemmoderivato di Mirtillo nero ha proprietà ipoglicemizzanti e antidiabetiche, è efficace come antidiarroico nelle enteriti dell’adulto, in quelle acute dell’infanzia e nelle colibacillosi. Favorisce la cicatrizzazione dell’ulcera gastro-duodenale e delle ulcere membranose, è inoltre indicato come antiemorragico, nelle emorroidi, nei disturbi della circolazione venosa e capillare dovuta a fragilità micro vasale, risulta efficace nelle gengivo-stomatiti aftose. Agisce infine a livello dei bastoncelli retinici stimolando la rigenerazione rodopsinica e la reintegrazione del tessuto retinico migliorando l’acuità visiva e l’adattamento alla visione notturna.

Proprietà:

-astringente

-azione antiedemigena

-antisettiche

-glicoregolatore

-vasoprotettore

-uricosurico

Indicazioni principali:

-disbiosi intestinali e vescicali

-patologie funzionali a carico del microcircolo

-enteriti, colibacillosi, cistiti

-disturbi dei piccoli vasi

Prescrizione:

40-50 gocce 2-3 volte al giorno se prescritto da solo, 50-70 gocce 1 volta al giorno se in associazione a rimedi complementari. In caso di enterite la posologia può essere aumentata a 70-100 gocce più volte nella giornata. Evitare trattamenti prolungati per la possibile insorgenza di anemie e ittero in soggetti sensibili.

Principali indicazioni cliniche:

Affezioni generali: Affezioni catarrali, antiossidante, stress ossidativo, fasi neoplasmatiche e fasi cellulari in genere (virosi); ha effetti catalizzanti sulla respirazione cellulare

Affezioni metaboliche: Diabete mellito florido (con Morus nigra), Intolleranze glucidiche (con Morus nigra), eccesso di urea (con Betula linfa, Prunus amygdalus e Fagus sylvatica), Iperuricemia, gotta

Apparato cardio-vascolare: cardiotossicità ossidativa da chemioterapia e da doxorubicina (con Crataegus ox), emorroidi, flebopatie, stati di fragilità e alterata permeabilità dei capillari sanguigni (con Aesculus hippocastanum), stasi venosa e insufficienza venosa agli arti inferiori (con Aesculus hippocastanum e Castanea vesca), microangiopatia diabetica, microarteriopatie

Apparato cutaneo: Acne con pelle grassa e pustolosa (con Ulmus campestris), couperose, eczema anale, ulcerazioni diabetiche (con Morus nigra), disfunzioni connettivali del mantello cutaneo, pelle avvizzita secca e afflosciata: azione eutrofica sul tessuto connettivale dermico.

Apparato gastro-enterico e buccale: afta boccale e gengivo-stomatite aftosa (con Alnus glutinosa e Juglans regia), colibacillosi intestinale (con Vaccinium vitis idaea),  coliti mucomembranose (con Vaccinium vitis idaea), diarrea e dissenteria anche di origine infettiva (con Juglans regia e Vaccinium vitis idaea), disbiosi intestinale (con Juglans regia), enteriti infantili, meteorismo ed eccessiva fermentazione intestinale (con Juglans regia), stomatite ulcero-membranosa, ulcera gastrica e duodenale: agisce solo come cicatrizzante della lesione mucosale (con Ficus carica e Alnus glutinosa)

Apparato oculare: degenerazioni tappeto-retiniche periferiche (con Fraxinus exc. e Ribes nigrum), diminuzione dell’acuità visiva (con Salix alba linfa), disturbi visivi, emeralopia (perdita della visione notturna, con Ribes nigrum), emianopsia (perdita di metà campo visivo, con Ribes nigrum), esiti di distacco retinico parcellare (con Ribes nigrum),  lesioni retiniche, miopia elevata, nictalopia, diminuita capacità visiva nelle ore notturne o “cecità” crepuscolare (aumenta il potere di adattamento oculare alla visione notturna favorendo la rigenerazione della rodopsina, elemento fotosensibile dei bastoncelli retinici, aumenta il senso luminoso nelle ore notturne e migliora il campo visivo), retinite (con Fraxinus exc. e Ribes nigrum), retinite pigmentaria (con Fraxinus exc. e Ribes nigrum), retinopatia alba (con Fraxinus exc.), retinopatia diabetica (con Morus nigra), retinopatia senile (con Fraxinus e Ginkgo biloba), retinopatia ipertensiva (come protettivo cascolare, con Olea europea), riduzione del campo visivo, uveite (con Fraxinus e Salix alba linfa)

Apparato uro-genitale: cistite colibacillare e/o batterica (con Calluna vulgaris e Vaccinium vitis idaea), enuresi notturna (con Quercus peduncolata)

Ematopoiesi e crasi ematica: stati di iperaggregabilità piastrinica (con Citrus limonum, Ginkgo biloba, Cornus sanguinea e Prunus amygdalus).

Sistema endocrino: Distireosi (con Larix decidua)

Cerca questa categoria: Shop online