CARPINUS BETULUS (Carpino bianco)


CARPINUS BETULUS (Carpino bianco)

Scorte disponibili

da 12,00
Prezzo comprensivo di IVA, più spedizione


Le gemme di Carpino bianco hanno un tropismo elettivo per i seni paranasali, per il rinofaringe e la trachea su cui esplica un’attività cicatrizzante, antispasmodica ed antitussigena.

Il gemmoterapico è indicato dunque nelle sindromi rino – sinuso – bronchiali, nelle rinofaringiti recidivanti dell’adulto e nelle sinusiti croniche. E’ inoltre il rimedio della piastrinopenia acquisita post – medicamentosa e delle emorragie da anticoagulanti.

Proprietà:

-antispasmodica

-antitussigena

-antinfiammatorio

-anticatarrale

Indicazioni principali:

-sinusite

-tosse

-rinofaringite

-bronchite

-piastrinopenia

-ipergammaglobulinemia

Prescrizione:

25-30 gocce 2-3 volte al giorno in poca acqua 15 minuti prima dei pasti nel trattamento di bronchiti croniche, tossi, riniti, tracheiti, faringo-tracheiti; 50-70 gocce in un’unica somministrazione se associato ad altri gemmoterapici. Nelle tracheiti prescrivere 50 gocce di Ribes nigrum prima di colazione e 50 gocce di Carpinus betulus prima di pranzo e cena. Nelle rinofaringiti recidivanti associare Carpinus betulus (50 gocce prima di cena) a Ribes nigrum (50 gocce prima di colazione) e Betula pubescens gemme (50 gocce prima di pranzo). Nella bronchite cronica associare a Corylus avellana. Nelle sinusiti croniche prescrivere 50 gocce di Carpinus betulus, 50 gocce di Ribes nigrum e 50 gocce di Alnus glutinosa 3 volte al dì a cicli di 3 settimane al mese per 3-6 mesi. Nelle disglobulinemie 50 gocce 3 volte al giorno se prescritto da solo oppure 70 gocce in una sola somministrazione se associato ad altri gemmoterapici. Nelle emorragie da anticoagulanti associare a Cornus sanguinea.

Principali indicazioni cliniche:

Affezioni generali: affaticamento, astenia generale, stenia durante i periodi di crescita, astenia mattutina, convalescenza, esaurimento di ogni energia, riduzione della vigoria fisica (con Ribes nigrum, Quercus peduncolata e Sequoia), sensazione di debolezza fisica, spossatezza, stanchezza del giorno dopo, stanchezza dopo lunga malattia, stanchezza ancora prima di cominciare il lavoro, stress, turbe dell’accrescimento e della nutrizione (con Abies p. e Prunus spinosa), dolori di crescita, inappetenza e anoressia dell’infanzia e dell’adulto, rachitismo (come coadiuvante con le stesse associazioni gemmo terapiche delle gammapatie monoclonali benigne)

Affezioni iatrogene: emorragie da intossicazione generale da anticoagulanti (con Cornus s), sindrome emorragica da anticoagulanti (con Cornus s.), intossicazione da anticoagulanti, intossicazione e danni iatrogeni da chemioterapia, intossicazione da sostanze cancerogene, ipoplasia midollare da radiazioni (con Ficus carica)

Affezioni metaboliche: ipercolesterolemia, uremia, uricemia

Apparato cardio-vascolare: aterosclerosi, periartrite nodosa post-medicamentosa

Apparato cutaneo: couperose (con Sorbus domestica), dermatite pruriginosa da anticoagulanti

Apparato epato-biliare: cirrosi epatica, insufficienza epatica, insufficienza epatica accompagnata da anemia e piastrinopenia, insufficienza epatica con iper-γ-globulinemia e piastrinopenia

Apparato gastro-enterico: affezioni della bocca e del cavo orale, alterazioni edlla motilità colica e discinesie del colon, colite (con Ficus carica), colite spastica e colon irritabile (con Tilia tomentosa), colite mucosa con prevalente componente diarroica e mucosa: riduce gli spasmi della muscolatura liscia del colon e nel contempo esplica azione antiinfiammatoria sulle mucose coliche (con Ficus c. e Castanea v.), colite muco membranosa (con Alnus glutinosa), deficit della contrattilità peristaltica delle pareti del colon (fase ipostenica), diverticolosi del colon, enterite cronica, esofagite, glossite, ulcera peptica tendente al sanguinamento (con Ficus e Alnus glutinosa)

Apparato oculare: dacriocistiti, irritazione oculare, occhi brucianti, occhi stanchi, sensazione di bruciore oculare, stanchezza visiva

Apparato respiratorio: Rinofaringiti recidivanti (con Betula p. e Rosa canina), rinofaringiti dell’adulto (con Betula p. amenti e gemme), faringite, laringotracheite, latingite, laringotracheite, raffreddore, riniti, riniti spasmodiche, sindromi rino-sinuso-bronchiali (con Ribes n. e Alnus glutinosa), rino-faringo-tracheiti recidivanti e spasmodiche (con Ribes n. e Viburnum l.), rino-laringo-tracheiti recidivanti e spasmodiche (con Ribes n. e Viburnum l.), sclerosi polmonare, sinusiti e sinusiti croniche (con  Mentha aquatica Alnus g.), bronchite acuta (con Lonicera nigra), bronchite cronica (con Fagus s), sindromi respiratorie spasmodiche e tussigene (con Viburnum l), sindromi polmonari complicate (con Corylus avellana e Viburnum l.), adenoiditi, affezioni catarrali, antispasmodico respiratorio (con Viburnum lantana), emoftoe, emottisi, enfisema polmonare (con Corylus avellana), spasmi della sfera otorinolaringoiatrica, tosse spasmodica, tracheiti, tracheobronchiti

Apparato scheletrico e osteo-articolare: artrite reumatoide, poliartrite cronica evolutiva (PCE) subacuta, Periartrite nodosa post-medicamentosa, gonartrosi e coxartrosi

Apparato uro-genitale: Aborto abituale (con Viburnum lantana), ascesso alla mammella (con Juglans regia), infiammazioni genitali, leucorree, metriti, minaccia d’aborto, salpingiti, tendenza all’aborto prematuro, tendenza al parto prematuro, vaginiti (con Alnus incana e Juglans regia)

Crasi ematica e midollare, ematopoiesi: alterazioni delle γ globuline, alterazione del potere agglutinante delle piastrine, alterazioni dei test di funzionalità piastrinica, alterazioni dell’integrità funzionale delle piastrine indipendentemente dal loro numero, antiemorragico, diatesi emorragiche, disglobulinemia: produzione di proteine patologiche (con Vaccinium vitis idaea e Viburnum lantana), disordini della coagulazione da deficit coagulativo, emofilia, emogenie piastrinopeniche emorragiche, emorragia da anticoagulanti (con Cornus sanguinea), eritropenia midollare, gammapatie monoclonali (con Viburnum e Vaccinium vitis idaea), gammapatie monoclonali benigne (da associare ai rimedi delle sindromi iper-alfa-uno, iper-alfa-due e gammaglobuliniche a seconda del quadro clinico, con Cornus s, Juglans regia, Betula pubescens, Betula verrucosa, Ulmus c, Juniperus c. ecc.), mieloma (plasmocitoma), osteoporosi e dismetabolie,  ipergamma globulinemia (con Cornus s., Juglans r. e Juniperus comm.), piastrinopatie, piastrinopenie acquisite, piastrinopenia jatrogena (post-medicamentosa), piastrinopenia acquisita da auto-immunizzazione e immuno allergica da farmaci, porpora trombocitopenica idiopatica (ITP), piastrinopenia da anticoagulanti (con Cornus s.), piastrinopenia post-splenectomia, malattia di von Willebrand acquisita, morbo di Werlhof (con Tamarix e Quercus peduncolata), piastrinosi medicamentose, plasmocitoma, produzione di proteine patologiche (con Viburnum e Vaccinium vitis idaea), sindrome emorragica da anticoagulanti (con Cornus sanguinea), sindromi trombopeniche, trombocitopenie acquisite o secondarie, trombopatie in generale

Sistema nervoso centrale: astenia, confusione mentale, debolezza mentale, psicoastenia, riduzione della vitalità psichica (con Betula verrucosa semi, Ginkgo biloba, Larix decidua e Ostrya carpinifolia)

Cerca questa categoria: Shop online